Rimpianti

Rimpianto della mia infanzia,
che trascorse tra ameni pensieri
e fu dedita a giochi spensierati,
senza aver mai conosciuto
un solo attimo di tristezza.

Rimpianto del mio paese natio,
che cullò i miei anni più belli
e li seguì con particolare premura,
il cui ricordo ancora non muore
e mi riempie di forte commozione.

Rimpianto del mio primo amore,
che mi scolpì candidamente nel cuore
i sospiri e i fremiti della passione,
procurando al mio animo incantato
gradevoli e trepide emozioni.

Rimpianto dell’amico del cuore,
che divise con me sogni e speranze,
ma che un improvviso tragico evento
mi strappò un mattino di ottobre,
lasciandomi in un lacerante dolore.

Rimpianto dei miei cari genitori,
che mi colmarono di mille carezze
e vollero votarsi al sacrificio,
pur di vedermi crescere ogni giorno
sereno e privo di stenti.

Rimpianto dei miei anni verdi,
che rimasero sempre attaccati
al magico fascino della speranza,
anche se spesso furono amareggiati
da incomprensioni e disincanti.