Sentirmi…

Sentirmi esistente
per esigenza d’essere,
per non negarmi questa vita
che fluttua dall’inconscio
e si va tuffando nel tutto,
anche se a volte è costretta
a disgregarsi nel nulla.

Sentirmi parte di qualcosa
per non venire escluso
dal mio io pensante,
in cui vanno balenando
solo idee arbitrarie
e intente ad assoggettarsi
al mio egocentrismo.

Sentirmi forza attiva,
coscienza pensante
spinta dall’ansia
di rifarmi l’esistenza,
dopo che in me c’è stato
lo sgretolamento totale
di ogni svigorita energia.