Attimi di crisi

Mi ritrovo, a un tratto,
a librarmi nell'aria,
intanto che sotto di me
un vuoto senza fondo
pare che voglia risucchiarmi
nel suo cieco tenebrore.

Allora mi sorprendono
interminabili attimi
di paura e di nausea,
che passano poi a ghermirmi
nella loro stretta morsa
di gelida oppressione.

Io avverto tremendo
l'impatto psicologico
che viene a originarsi
nel mio intimo esterrefatto;
allora esso prende atto
del proprio terrore.

Non riesco a venirne a capo,
per cui resto prigioniero
di questa nuova realtà
che, come posso constatare,
si compiace di strapazzarmi
senza alcun riguardo.

Così risultano vani i miei sforzi,
che tentano a ogni costo
di riportare la mia esistenza
a quella che per me prima
rappresentava una vita
spensierata e serena.