I miei pensieri liberi

Sfrecciano alacri i miei pensieri,
mentre lasciano la mia mente,
perché non sono più costretti
a restarvi immobili e svigoriti,
come alberi spogli e infruttiferi.

Possono finalmente trasferirsi
ovunque decidano di andare,
siccome per loro non ci sono
dei limiti di tempo e di spazio,
dominando essi l'uno e l'altro.

Loro compagna è la fantasia
che li segue dappertutto,
come se fosse loro sorella,
avviandoli in ogni momento
per i vari sentieri creativi.

Perciò li vedo a briglie sciolte
spaziare attivi e prolifici
anche in quelle aride regioni
dove la vita per lungo tempo
è rimasta senza vigore.

Mi domando perché mai
non se ne restano dentro di me,
procurando al mio animo
i fantastici tesori che solo loro
possono mettergli a disposizione.

Non c'è dubbio che essi a volte,
appagando le mie esigenze,
si diano un gran da fare
a illuminarmi l'intelletto
di creatività ricca e feconda