Scosse psichiche

> La mia psiche è in rivolta
perché ogni serenità ha perduto,
da quando l’urto catastrofico
di un fiume di sensazioni in piena
l’ha colpita all’improvviso,
destabilizzandola emotivamente
con poche speranze di riprendersi.

Perciò tenta, a qualunque costo,
di ribellarsi allo sciame di percezioni
che l’hanno investita di proposito;
dopo che esse quasi capillarmente
hanno occupato ogni suo angolo,
vi si danno ora a spadroneggiare
senza mostrarle alcun rispetto.

Si dimena e si strapazza,
intanto che non si concede
neppure un attimo di riposo;
così muove guerra in casa propria
contro ogni forma sensoriale
che, pur non essendo stata invitata,
vuole farla anche da padrona.

Ovunque conduce la sua battaglia,
mostrandosi fiera e agguerrita
contro le preponderanti forze
dello straniero suo invasore,
volendole essa debellare
dalla prima fino all’ultima,
senza dare loro quartiere.

Anche nel mio animo disagiato
si avvertono i suoi tumulti,
mentre alteri fan baruffa;
sono essi avvertiti al suo interno
come scosse che provengono
da un terremoto emotivo
ad altissima disastrosità.