di Luigi Orabona

 

Lezione 5

5.1-Pronomi Personali Soggetto
5.2-Pronomi Personali Complemento
5.3-Forme dei Pronomi Personali Complemento

________________________________________

5.1-Pronomi Personali Soggetto

I pronomi personali soggetto sono dieci. Le terze persone singolari e plurali hanno una forma per il maschile, una forma per il femminile e una forma per il promiscuo. Quest’ultima è riferita agli animali, alle cose, agli avvenimenti e ai nomi collettivi che indicanno gruppi di persone, come squadra, esercito, trio, polizia, ecc…

Ab=io; of=tu; ud=egli; en=ella; av=esso, essa (pronome promiscuo); apl=noi; erz=voi; udr=essi (rif. ad uomini); end=esse (rif. a donne); avr=essi, esse (forma promiscua).

Il loro uso è il seguente:

ab loviam=io mangio; of duepies=tu scrivevi; ud luriok=egli lavorò;
en luobiur=ella studierà; avr febokiur=esse vinceranno;
av nepozies=essa urlava; avr ebink pulatit=essi avrebbero ululato;
av surafiam=esso combatte; av dukafiok=esso volò;
av seies atun=essa era gravida; av febokit=esso vinse;
av gomufiok=esso-a accadde; apl daupink=noi viaggeremmo;
erz ebies volit=voi avevate bevuto; udr luobiur=essi studieranno;
end metiam=esse amano; avr seiam polaf=essi sono gravi;
avr ebiam feazit=essi-e hanno forzato; avr fleniok=esse allattarono.

L’esercito è arrivato. Esso dovrà combattere.=Le drot ebiam paenit. Av roiur surafi.
Le squadre arriveranno domani. Esse sperano di vincere.=Li dumez paeniur xuf. Avr dusapiam ut feboki.
I giovani (promiscuo) ballano. Essi sono felici.=Li hoaniel tocapiam. Avr seiam proez.

N.B. Nella Raubser, il “lei” non esiste. Se si parla ad una sola persona, si dà il tu (of); mentre, se si parla a due o più persone, si dà il voi (erz).

Forma Rafforzativa

I Pronomi Personali Soggetto hanno una Forma Rafforzativa, la quale si ottiene, aggiungendo ad essi il suffisso ix (da xez=stesso).

Abix=io stesso-a; ofix=tu stesso-a; udix=egli stesso; enix=ella stessa; avix=esso-a stesso-a; aplix=noi stessi-e; erzix=voi stessi-e; udrix=essi stessi; endix=esse stesse; avrix=essi-e stessi-e.

Egli stesso lo affermò.=Udix pocetiok iv. Voi stesse lo avete fatto.=Erzix ebiam matit iv. Noi stessi lo raccomandammo.=Aplix sekoriok id.

5.2-Pronomi Personali Complemento<br>
I Pronomi Personali Complemento sono undici. Essi si ottengono, sostituendo una i alla vocale iniziale dei pronomi personali soggetto. Il pronome personale is è invariabile nel numero e nel genere; inoltre, è riferito sempre al soggetto della proposizione.

Ab=ib=me, mi; of=if=te, ti; ud=id=lo, lui; en=in=la, lei; av=iv= lo, la, ciò; apl=ipl=ci, noi; erz=irz=vi, voi; udr=idr=li; end=ind= le; avr=ivr=li, le; is=sé.

Riguardo ai pronomi personali complemento, si tenga presente quanto segue:

– Se non sono retti da preposizioni, essi seguono il verbo.

Ella venne a chiamarti.=En goabiok ut nafezi if.
Essi ci seguivano.=Udr pokies ipl.
Noi vi lodiamo.=Apl feokiam irz.
Tutti (promiscuo) lo hanno tradito.=Anil ebiam tulforit id.
La vidi che sorrideva (=sorridente).=Ab ruopiok in bofoliz.
Li abbiamo applauditi.=Apl ebiam favulit idr.
Sono andato a comperarli.=Ab ebiam kousit ut keubi ivr.
Mio fratello mi rincorse a lungo (per molto tempo).=Aib foram tedasiok ib xuiem.
Le abbiamo salutate.=Apli ebiam xovuzit ind.

– Se tali pronomi precedono un verbo servile, la frase si trasforma come appresso:

Io lo posso prendere.=Io posso prenderlo.=Ab paiam dobuzi iv.
Tu la dovevi chiamare.=Tu dovevi chiamarla.=Of roies nafezi in.
Ella li vorrà vedere.=Ella vorrà vederli.=En vuiur ruopi idr (ivr).

– Quando sono retti da una preposizione, si uniscono ad essa:

Ella stava con me.=En pusies voib.
Io ero andato da lei.=Ab ebies kousit asin.

– Quando un verbo regge nello stesso tempo un pronome complemento oggetto e un pronome complemento di termine, il primo precede il secondo.

Te lo pagherò domani.=Ab korediur iv hif xuf.
Ieri sono andato a restituirglielo.=Fux ab ebiam kousit ut naxori iv hid.
Il nonno me la potrà comprare (sarà in grado di comprarmela) il mese prossimo.=Le broz nafiur keubi iv hib zoimel.

5.3-Forme dei Pronomi Personali Complemento

1) Forma di Unione

La forma di unione si ottiene, unendo un pronome personale complemento a una preposizione semplice, come di seguito:

Voib (vo+ib)=con me, insieme con me (complemento di compagnia); asid (as+id)=da lui (complemento di moto a luogo).

2) Forma Dativa

La forma dativa si ottiene, premettendo ai vari pronomi personali complemento il prefisso h (da ha=a). Essi seguono il complemento oggetto. Nella forma impersonale, seguono il verbo.

Hib=a me; hif=a te; hid=a lui; hin=a lei; hiv=ad esso-a; his=a sé; hipl=a noi; hirz=a voi; hidr=a loro (uomini); hind=a loro (donne); hivr=ad essi-e, a loro (promiscuo).

Le diedi un bacio.=Ab noekiok gu gep hin.
Ella me lo regalò spontaneamente.=En geloriok iv hib enuzest.
Gli ho donato una bella penna.=Ab ebiam lokupit gu buor mukal hid.
Dissi loro che sarei andato.=Ab leziok hidr be ebink kousit.
Ti avevo detto tutta la verità.=Ab ebies lezit an bas hif.
Spetta a me invitarti.=Sucopixam hib lekuni if.
Me lo puoi prestare?=Puoi prestarmelo?=Paiam of (paifam) roxani iv hib?

3) Forma Genitiva

La forma genitiva si ottiene, premettendo ai soli pronomi personali complemento di terza persona il prefisso d (da du=di). Tali pronomi sostituiscono esclusivamente il complemento di specificazione.

Did=ne, di lui; din=ne, di lei; div=ne, di esso-a; didr=ne, di essi, di loro; dind=ne, di esse, di loro; divr=ne, di essi-e, di loro.

Hai qualche cosa di lui?=Ebifam (ebiam of) agusiev did?
Non conosco il padre di lei (suo padre).=Ab uiv fuoziam le brev din (ein brev).

Negli altri casi, il ne italiano va tradotto:

Gli avevo chiesto una penna perché non ne (le) avevo.=Ab ebies koruvit gu mukal hid roec uiv ebies ivr.
Le domandai se avesse dei fratelli, ma ella mi rispose che non ne (li) aveva.=Ab lebatiok hin ev ebies gi foram, aek en tabeliok hib be uiv ebies idr.
Ella ti parla di me?=Ella parla di me a te?=En kuzoniam geib hif?
Non me ne parla (non parla di te a me).=En uiv kuzoniam geif hib.

4) Forma Autonoma

La forma autonoma si ottiene, premettendo ai pronomi personali complemento maschili e femminili il prefisso b (da baox=autonomia). Anche tali pronomi personali seguono sempre il complemento oggetto. Essi, che non possono unirsi a nessun’altra forma, sono i seguenti:

Bib=da me; bif=da te; bipl=da noi; birz=da voi; bis=da sé.

Io ho svolto il compito da me.=Ab ebiam nokemit le fonat bib.
Facesti tutto (ogni cosa) da te.=Of matiok ban (ekiev) bif.
Lo avevate aggiustato (riparato) da voi.=Erz ebies nukorit iv birz.
La costruimmo da noi.=Apl pasaviok iv bipl.

Riguardo a tali pronomi, c’è da osservare:

– Il pronome personale di forma autonoma bis (da sé), essendo invariabile nel numero e nel genere, sostituisce tutti i pronomi di terza persona singolari e plurali, compresi quelli promiscui.

Lo zio (mio zio) ha riparato la sedia da sé.=Aib buket ebiam nukorit le gurtel bis.
La mamma ha scritto la lettera da sé.=Aib babien ebiam duepit le baleg bis.
I tuoi amici hanno fatto i compiti da sè.=Oifi lesur ebiam matit li fonat bis.

– Quando il verbo della proposizione principale è blaust o redur in forma imperativa, abbiamo:

Fai il compito da te!=Matiust bif le fonat!
Prendete(ve)la da voi.=Dobuziusti birz iv.
Ella la faccia da sé.=Matinust bis iv.
L’aggiustino essi da loro (=da sé).=Nukoridrust bis iv.
Facciamo(ce)la da noi.=Matiplust bipl iv.
Fate(ve)la da voi la torta.=Matirzusti birz le memof.
(Se) l’aggiustino da loro (=da sé).=Nukoridrust bis iv.
Costruitevela da voi la barca.=Pasavirzur birz le kanub.

5) Forma Partitiva

La forma partitiva si ottiene, premettendo ai pronomi personali complemento l'articolo indeterminativo gu (un, uno) e l'aggettivo indefinito gi (alcuni) privato della vocale i. Tali pronomi sono invariabili nel genere. Per indicare altri generi diversi dal maschile, bisogna ricorrere alla forma apronominale del verbo.

Guipl=uno-a di noi / gipl=alcuni-e di noi; guirz=uno-a di voi / girz=alcuni-e di voi; guidr=uno di loro / gidr=alcuni di loro; guind=una di loro / gind=alcune di loro.

Alcuni di noi già eravamo andati via.=Gipl oag ebies kousit out.
Uno di voi ha tradito.=Guirz ebiam tulforit.
Alcuni di voi non hanno studiato.=Girz uiv ebiam luobit.
Una di loro dorme.=Guind raxupiam.
Alcune di loro leggono.=Gind peudiam.

6) Forma Rafforzativa

La forma rafforzativa dei pronomi personali complemento si ottiene, aggiungendo loro il suffisso ix (da xez=stesso, medesimo). Essi seguono il verbo.

Ibix=me stesso-a; ifix=te stesso-a; isix=sé stesso-a, sé stessi-e; iplix=noi stessi-e; irzix=voi stessi-e.

Lo zio (mio zio) convinca sé stesso.=Aib buket laosiust isix.
Essi hanno criticato sé stessi.=Udr ebiam ponedit isix.
Noi abbiamo biasimato noi stessi.=Apl ebiam koefit iplix.

7) Forma Rafforzativo-autonoma

La forma rafforzativo-autonoma si ottiene, premettendo il prefisso b a quelli di forma rafforzativa.

Bibix=da me stesso-a; bifix=da te stesso-a; bisix=da sé stesso-a, sé stessi-e; biplix=da noi stessi-e; birzix=voi stessi-e.

Il mio amico ha deciso di lavare i vetri da sé stesso.=Aib lesur ebiam olabit ut lunopi li latrob bisix.
Preparammo la partenza da noi stessi.=Apl sorbeniok le neap biplix.
Fatevela (fatevi) da voi stesse la torta.=Matiusti le memof birzix.

8) Forma Rafforzativo-dativa

La forma rafforzativo-dativa si ottiene, premettendo alla forma rafforzativa il prefisso h. Tali pronomi personali seguono il complemento oggetto.

Hibix=a me stesso-a; hifix=a te stesso-a; hisix=a sé stesso-a, sé stessi-e; hiplix=a noi stessi-e; hirzix=a voi stessi-e.

Diedi torto a me stesso.=Ab noekiok le sutop hibix.
Voi avete cagionato danno a voi stessi.=Erz ebiam tarezit le calb hirzix.