di Luigi Orabona

 

Lezione 26

26.1-Proposizioni Principali
26.2-Congiunzioni Coordinanti
26.3-Riepilogo delle Congiunzioni Coordinanti
26.4-Congiunzioni Subordinanti
26.5-Riepilogo delle Congiunzioni Subordinanti

____________________________________________

26.1-Proposizioni Principali

Le Proposizioni Principali, o Indipendenti o Reggenti, sono quelle che possono stare da sole; ma regolarmente reggono una o più Proposizioni Secondarie. Esse si distinguono in: Enunciative, Esclamative, Imperative o Esortative, Interrogative, Ottative o Desiderative, Dubitative.

Le Proposizioni Enunciative sono quelle che esprimono un fatto o un giudizio, come le seguenti:

Il cavallo è un animale domestico.=Le dulav seiam gu leoh moedap.
La rosa è un fiore molto profumato.=Le rades seiam gu tusp iem naserim.
Il quadrato è una figura geometrica piana.=Le puxod seiam gu gapen.
Egli non era onesto.=Udiv seies mosat.
L’uomo non è infallibile.=L'uomo è fallibile.=Le hues seiam fetekiap.
Nessuna pratica è stata evasa.=Na lenoam diseiam esubit

Le Proposizioni Esclamative sono quelle che esprimono una esclamazione, come le seguenti:

Finalmente è arrivata la pioggia!=Xupuek le gotar dipaeniam!
Che gioia! Abbiamo vinto!=Ul daep! Apl difebokiam!
Povero me! Sono stato colpito!=Surfib! Diseibam sorokit!

Le Proposizioni Imperative o Esortative sono quelle che esprimono un comando o una esortazione, come le seguenti:

Nessuno vada via!=Naiel kousiust out!
Entrate subito in casa!=Neuziusti sos asil moed!
Resistete fino alla morte!=Relcoviusti uapil kaud!

Le Proposizioni Interrogative sono quelle che esprimono una domanda, come le seguenti:

Chi ha bussato alla porta?=Ku dicesokiam hail latr?
Quando sei tornato dall’ospedale?=Ho disuokifam dail halev?
Quanto costa il libro?=Le bavel iop epuziam?

Le Proposizioni Ottative o Desiderative sono quelle che esprimono un desiderio, come le seguenti:

Possa egli ristabilirsi!=Paidust betoris!
Possa tu vincere la gara!=Paifust feboki le temad!
Che la fortuna vi assista!=La fortuna possa assistervi!=Le lakoat paiust kelovirz!

Le Proposizioni Dubitative sono quelle che esprimono un dubbio, come le seguenti:

Forse domani (=Domani forse) pioverà.=Xuf etu gotarixur.
Probabilmente non tutto è perduto (qualcosa è rimasto).=Vaucest agusiev dikobefiam.
Oggi potrebbe anche nevicare.=Ead paixenk orb duleki.

26.2-Congiunzioni Coordinanti

Le Congiunzioni Coordinanti sono quelle che servono a congiungere due proposizioni principali o secondarie, oppure due elementi della stessa proposizione. Esse possono essere: Aggiuntive, Avversative, Conclusive, Copulative o Correlative, Dichiarative o Dimostrative, Disgiuntive, Interrogative.

Congiunzioni Aggiuntive


Pobe=oltre che, oltre a; orb=anche, pure; ecok=nonché; pobe...orb=oltre che...anche; vierf...aekorb=non solo...ma anche.

Tu hai anche lavorato, oltre che hai studiato la geometria.=Of orb diluriam, pobe diluobiam le fartab.
Io ho dormito, nonché ho studiato.=Ab diraxuviam, ecok diluobiam.
Oltre ad essere cattivo, egli è anche un bugiardo.=Ud seiam orbig sabied, pobe seiam felb.
Ella non solo è onesta, ma è anche (=ma anche è) intelligente.=En vierf seiam mosat, aekorb seiam komutip.
Egli è sciocco, oltre ad essere testardo.=Ud seiam nupod, pobe seiam netrul.

Congiunzioni Avversative

Aek=ma, però, bensì, senonché; zum=anzi; kra=piuttosto, invece di, anziché; krabe=piuttosto che, invece che; bua=invece, mentre, all’opposto, al contrario, mentre invece; daceap=altrimenti, in caso contrario, diversamente, se non è così; reo=eppure, tuttavia, pur tuttavia, nondimeno, ciò nonostante, con tutto ciò, malgrado ciò; uko=del resto, per altro, d’altronde, d’altra parte.

Mia cugina è intelligente, ma non vuole studiare.=Aib marofen seiam komutip, aekiv (aek uiv) vuiam luobi.
Mio fratello ha torto, però si ostina a non ammetterlo (a non ammettere ciò).=Aib foram sutopiam (ebiam sutop), aek patuafiam utiv (a non) fusokiuv.
Vedo poco Alberto, anzi sarebbe opportuno evitarlo.=Ab ruopiam ime Alberto, zum seixenk lukoniev rocakid.
Non è il caso di attendere, bensì di affrettarsi.=Uiv seixam le ruam ut vaboli, aek ut bertasis.
Tu hai preferito buttarlo via, piuttosto che darlo a me.=Of dikaraliam nacefiv out, krabe noekiv hib.
Invece di studiare, tuo nipote se ne è andato a zonzo.=Kra luobi, oif zorb dizadopiam.
Non andrò mai a scuola, piuttosto chiederò l'elemosina.=Uxet kousibur asil lest; kra koruvibur le sulaz (sulazibur).
Anziché dormire, preferisco leggere.=Karalibam peudi, krabe raxuvi.
Piuttosto che essere bocciato, preferisco studiare.=Karalibam luobi, krabe sei takufit.
Lavora, anziché lamentarti (protestare).=Luriust, kra bobafi.
Tuo figlio ha preferito guardare la televisione, invece che fare i compiti.=Oif verb dikaraliam gukepi le rev, krabe mati li fonat.
I miei amici sono solo due, invece i tuoi sono molti.=Aibi lesur seiam erf fic, bua uori oif seiam em.
Egli si è divertito, mentre io ho studiato.=Ud is diponariam, bua ab diluobiam.
Gli hanno detto (=gli è stato detto) di non parlare, all’opposto egli grida.=Diseixam lezit hid utiv kuzoni, bua ud panosiam.
Fai come ti ho detto, altrimenti mi arrabbio.=Matiust omiab dileziam hif, daceap ib cexafiam.
Senz’altro verrò a trovarti stasera, in caso contrario ti avviserò.=Ute goabibur ut borpif ouseum, daceap gotesibur if.
La consigliai per il suo bene, (pur) tuttavia ella non diede retta alle mie parole.=Ab corobiok in ac uid beluof, reo eniv puzoriok hai aibi decon.
Mio fratello studia molto, ciò nonostante apprende poco.=Aib foram luobiam iem, reo sotuviam ime.
Giulio aveva sempre studiato, eppure non fu promosso.=Gulio diluobies texu, reo udiv seiok fukatit.
Mia cugina andò via subito, d’altronde non potevo darle torto.=Aib marofen kousiok out sos, uko abiv paies noeki hin le sutop.
Tutto (ogni cosa) ci è andato storto, del resto non bisogna disperare.=Ekiev dikousiam dapub hipl, uko uiv ofalixam pasudi.
Mia sorella non aveva studiato, malgrado ciò ella riuscì a superare l’esame.=Aib foramen uiv diluobies, reo en onasiok ut pobeli le topah.

Congiunzioni Conclusive

Bea=quindi, dunque; fae=allora; ceu=così; deo=ebbene, orbene; aol=allora, in tal caso; lae=comunque, ad ogni modo; oxup=perciò, pertanto, per questo, per la qual cosa, ecco perché; vau=almeno, per lo meno, se non altro; uhok=insomma, tutto sommato, in conclusione, alla fin fine.

Hai sbagliato, quindi paga.=Of ditasefiam, bea korediust.
I bagagli sono pronti, dunque mettiamoci in viaggio.=Li loluef seiam resuv, bea ipl dauperiust.
Il tempo minacciava pioggia, allora cercammo un rifugio.=Le doet vuxedies le gotar, bea apl latesiok gu sades.
Se tu parli, allora (=in tal caso) io mi vendicherò.=Larond of, aol ib nubofiur.
Comunque tutti sono rimasti soddisfatti.=Lae anil dipoburiam peblazit.
A ogni modo non ci saranno (non seguiranno) ritorsioni da parte nostra (=di noi).=Lae gi bostav damipl uiv pokiur.
Lo hai offeso ingiustamente, perciò egli è andato via.=Of ditelbosiam id vifepatest, oxup ud dikousiam out.
Ci sono stati molti incidenti, pertanto le gare verranno sospese.=Emi mupob diarziam, oxup li temad seiur lusamit.
Ha dilapidato tutti i suoi (propri) averi: ecco perché è rimasto sul lastrico.=Ud dibotuefiam ani cup beb: oxup dipoburidam misil lamef.
Se non altro hai ottenuto qual cosa.=Vau of divurokiam agusiev.
Almeno ti hanno ringraziato.=Vau utr dixaekiam if.
Insomma il risultato può essere ritenuto positivo.=Uhok le estuh paiam sei relevit leput.

Congiunzioni Copulative o Correlative

Ce=e; ceil=e il; ceil...ceil=sia il...sia il; ceig=e un; ceig...ceig=sia un...sia un; ec=né; ec...ec=né...né; ecil=né il; ecil...ecil=né il...né il; ecig=né un; ecig...ecig=né un...né un; cebe=sia che; cebe...cebe=sia che...sia che; orb=anche, pure, altresì; orbil=anche il; orbig=anche un; ceorb=e anche, nonché, come pure; ceorbil=e anche il, nonché il; ceorbig=e anche un, nonché un; ecorb=neanche, neppure, nemmeno; ecorbil=neanche il; ecorbig=neanche un.

Egli porta il cappello e la cravatta.=Ud oremiam le cozom ceil naumeg.
Ella aveva mangiato ed aveva bevuto.=En dilovies ce divolies.
La mamma gli comprò sia la penna sia il quaderno.=Le baben kuvofiok hid ceil le mukal ceil lakum.
Ho perduto sia la patente di guida che la carta d’identità.=Ab direzebiam ceil dabusabrev ceil otefuel.
Lo zio non ha ricevuto né il pacco né la lettera.=Le buket dikeoniam ecil duzet ecil baleg (uiv dikeoniam ceil duzet ceil baleg).
Noi non abbiamo studiato letto (=noi abbiamo studiato abbiamo letto).=Apl ec diluobiam ec dipeudiam.
Era presente anche il nonno.=Orb aib broz seies cam.
La zia mi salutò e anche mi abbracciò.=Le buketen xovuziok ecorb kubaliok ib.
Non ricevetti (=ricevetti) neanche un augurio dagli (dai miei) amici.=Ab keoviok ceorb gu guzev ba aibi lesur.
Pure tu vieni con me?=Orbiof goabiam voib?
Tu nemmeno mi hai degnato di uno sguardo.=Of ecorb dikleoniam ib ertig gukeop.
Anch’io lo invitai a casa mia.=Orbiab lekuniok id as aib moed.
Tu la invitasti anche a casa tua.=Of lekuniok in orb as oif moed.
Ciò vuol dire che tu non devi (tu devi) correre andar piano.=Ousiuv vuiam lezi beiof roiam ec feloki ec kousi xavep.
Ti scriverò sia che tu lo voglia sia che tu non lo voglia.=Ab duepiur hif cebe vuifam cebe uiv vuifam iuv.

Congiunzioni Dichiarative o Dimostrative

Atog=ossia, cioè, ovvero, ovverosia, vale a dire; etoh=infatti, difatti; eat=invero, in verità, a dire il vero.

Io ho meno anni di te, cioè venti.=Ebibam usipor puif, atog faic.
Ti avevo detto che sarebbe nevicato; infatti ciò (la qual cosa) è stato vero.=Ab dilezies hif be didulekixenk; etoh keniev diseiam based.
Invero non tutti lo avevano criticato.=Eat uiv anil diponedies id.

Congiunzioni Disgiuntive

Go=o, oppure, ovvero; go...go=o...o, o...oppure; goil=o il; goil...goil=o il...o il, o il...oppure il; goig=o un; goig...goig=o un...o un, o un...oppure un.

Mangi la minestra o la pastasciutta?=Lovifam le doprem goil hanesut?
Egli chiese un pasticcino oppure un gelato?=Ud koruviok gu kabout goig noecom?
Il tuo parente viene o (=oppure) resta?=Oif bobem goabiam go poburiam?
O tu vieni o non sarai più nostro amico.=Goiof goabiam goiv seiur cu aipl lesur.

Congiunzioni Interrogative

Park=perché; uledoz=per qual motivo.

Perché non vuoi andare a letto?=Park ofiv vuiam kousi asil dozar?
Vorrei sapere (venire a conoscenza) perché la volpe è morta.=Ab vuink kolpi park le lutaev dikaudiam.
Per qual motivo sei rimasto a casa?=Uledoz of dipofemiam unil deom?

26.3-Riepilogo delle Congiunzioni Coordinanti

1) Aggiuntive: pobe=
oltre che, oltre a; orb=anche, pure; ecok=nonché; pobe...orb=oltre che...anche; vierf...aekorb=non solo...ma anche.

2) Avversative: aek=ma, però, bensì, senonché; zum=anzi; kra=piuttosto, invece di, anziché; krabe=piuttosto che, invece che; bua=invece, mentre, all’opposto, al contrario, mentre invece; daceap=altrimenti, in caso contrario, diversamente, se non è così; reo=eppure, tuttavia, pur tuttavia, ciò nonostante, con tutto ciò, malgrado ciò; uko=del resto, per altro, d’altronde, d’altra parte.

3) Conclusive: bea=quindi, dunque; fae=allora; ceu=così; deo=ebbene, orbene; aol=allora, in tal caso; lae=comunque, ad ogni modo; oxup=perciò, pertanto, per questo, per la qualcosa, ecco perché; vau=almeno, per lo meno, se non altro; uhok=insomma, tutto sommato, in conclusione, alla fin fine.

4) Copulative/Correlative: ce=e; ceil=e il; ceil...ceil=sia il...sia il; ceig=e un; ceig...ceig=sia un...sia un; ec=né; ec...ec=né...né; ecil=né il; ecil...ecil=né il...né il; ecig=né un; ecig...ecig=né un...né un; cebe=sia che; cebe...cebe=sia che...sia che; orb=anche, pure, altresì; orbil=anche il; orbig=anche un; ceorb=e anche, nonché, come pure; ceorbil=e anche il, nonché il; ceorbig=e anche un, nonché un; ecorb=neanche, neppure, nemmeno; ecorbil=neanche il; ecorbig=neanche un.

5) Dichiarative/Dimostrative: atog=ossia, cioè, ovvero, ovverosia, vale a dire; etoh=infatti, difatti; eat=invero, in verità, a dire il vero.

6) Disgiuntive: go=o, oppure, ovvero; go...go=o...o, o...oppure; goil=o il; goil...goil=o il...o il, o il...oppure il; goig=o un; goig...goig=o un...o un, o un...oppure un.

7) Interrogative: park
=perché; uledoz=per qual motivo

26.4-Congiunzioni Subordinanti

Le Congiunzioni Subordinanti sono quelle che uniscono una Proposizione Secondaria ad una Proposizione Principale. Esse possono essere:

1) Causali: roec=perché, ché, poiché, giacché, siccome, per il fatto che, dal momento che, visto che, dato che; eutroec=appunto perché, proprio perché; orbroec=anche perché, tanto più che.

Non sono andato al mercato perché pioveva.=Abiv dikousiam asil rekaof roec gotarixes.
Siccome è tornato nostro padre, non possiamo più (non ci è permesso) uscire.=Roec aipl brev disuokiam, cuiv (non più) uspixam zueni hipl.
Fai presto che è tardi.=Matiust mucez (muceziust) roec seixam zecum.
Poiché era una bella giornata (la giornata era bella), facemmo una passeggiata lungo il fiume.=Roec le nuateod seies buor, matiplam gu doral sbeil kuxam.
Giacché lo vuoi, verrò con te.=Roec vuifam iuv, goabibur voif.
Visto che tutti erano presenti, il relatore cominciò a parlare.=Roec anil seies cam, le prazird lamiok ut kuzoni.
Dato che il cielo si era rannuvolato (era diventato nuvoloso), uscimmo con l’ombrello.=Roec le telb disatezulies, apl zueniok voil ustez.
Dal momento che era un bel luogo di villeggiatura (il luogo di villaggiatura era bello), decidemmo di restare lì.=Roec le unc util suzad (suzadunc) seiam buor, apl olabiok ut poburi zu.
Appunto perché lì dentro faceva molto caldo, uscimmo.=Eutroec zuniz flatixes iem, apl zueniok.
Non esco, anche perché fuori piove.=Abiv zaniam, orbroec zin gotarixam.

2) Comparative: su...frabe=più...che (anziché, piuttosto che); us...frabe=meno...che (anziché, piuttosto che); su...puop=più...di quanto (di quello,che non); us...puop=meno...di quanto (di quello, che non); iaz...iop=tanto...quanto; eg...om=così (tale)...come (quale); afne=come se, quasi (che).

Io lavoro tanto (tanto io lavoro) quanto tu studi.=Iaz ab luriam iop of luobiam (iaz luribam iop luobifam).
La fanciulla era tale (tale la fanciulla era) quale l’avevo immaginata.=Eg le salaren seies omiab dicofaries in.
Il mio amico non era così stanco come sembrava.=Aib lesur uiv seies eg tukod om geovixes.
La donna lo amava come avrebbe amato un figlio.=Le nad (lien) meties id om dimetink gu verb.
Il babbo mi rimproverò come se l’avessi fatto apposta.=Aib bab hanosiok ib afne dimatibes iuv rulex.
Ella mi fece tanti segni, quasi volesse parlarmi.=En matiok azi ralcot hib, afne vuies lari hib.
Quella donna è più intelligente che non sembri.=Uorien seiam su komutip puop geoviam.
La salita è più ripida di quello che si pensava (che pensavamo).=Le peuv seiam su lankuf puop apl relevies.
Egli è sincero più (è più sincero) di quanto tu (non) pensi.=Ud seiam su hafet puop relevifam.
Tu sei meno ricco di quanto (non) voglia far credere.=Of seiam us bonet puop vuiam bui relevi.

3) Concessive: trobe=sebbene, benché, quantunque, nonostante che, malgrado che, anche se, per quanto.

Sebbene ella fosse triste, continuò a prodigarsi per il prossimo.=Trobe en seies lufeb, keluviok ut marvori acil beomub.
Quantunque tu sostenga il contrario, io proseguirò per la (=sulla) mia strada.=Trobe of ragofiam le cobiuv, ab masuliur mis aib demul.
Benché fosse stato ammonito, lo stesso egli commise quella cattiva azione.=Trobe diseides rovrenit, sae ud lumoziok uor felb bapus.
Nonostante l’avessi avvisata, ella non si presentò (non fu presente) alla riunione.=Trobe digotesibes in, eniv is camiok asil tulom.
Anche se non ti avevo invitato, potevi venire lo stesso.=Trobe abiv dilekunies if, roifes goabi sae.
Per quanto gridassi, tu continuavi a non sentirmi.=Trobe panosibes, of keluvies utiv soedib.
Pur sapendo (=benché sapesse) la verità, il teste non la disse.=Trobe fuozides le bas, le floar uiv leziok iv.

4) Condizionale: uak=purché, a patto che, solo se, basta che; gerundio del verbo=se, qualora + tempo del verbo.

Fai come ti pare, purché sia lecito.=Matiust omke geovixam hif, uak seivam nekal.
Ti scriverò, a patto che tu mi risponda (=risponderai).=duepibur hif, uak tabelifur hib.
Partiremo, solo se uscirà il sole.=Apl neapiur, uak le patup zueniur.
Semmai tu avessi (=avendo tu per caso la) voglia di vedermi, vieni a trovarmi.=Ebifond eiruam le vuvoz ut ruopib, goabiust ut borpib.
Casomai dovesse venire (=venendo per caso) a piovere, rimanderemo la partenza.=Goabiond eiruam ut gotari, olkeriplur le neap.
Se lasci (=lasciando) la città, commetti un errore.=Zubodifond le paet, of lumoziam gu macod.
Se andrai (=andando) in campagna, ti divertirai.=Kousifond asil zugap, if ponarifur.
Qualora vincesse (=vincendo) la nostra squadra, saremmo felici.=Febokiond aipl dumez, seiplenk proez.
Se andassi (=andando) a Roma, mi recherei a visitarlo.=Kousibond as Roma, ib kedonink ut borpid.
Se avessi lavorato (=lavorando) con più (maggiore) intelligenza, oggi sarei ricco.=Luribond ab org doret komut, ead ab seink bonet.
Se tu non avessi rubato (=non rubando), ora non ti troveresti (staresti) in carcere.=Uiv lubufifond, ave ofiv pusink unil bend.

5) Consecutive: egbe=cosicché, sicché, di modo che, in conseguenza di ciò; eg...be=così (tale, talmente)...che; iaz...be=tanto...che; orgibe=in modo che.

Mio nonno partì molto presto, cosicché non potetti salutarlo.=Aib broz neapiok iem mucez, egbe abiv paiok xovuzid.
Sono arrivato tardi, di modo che non ho potuto vederlo.=Ab dipaeniam zecum, egbe uiv dipaiam ruopid.
L’insegnante era così bella che tutti gli studenti l’ammiravano.=Lien seatir seies eg buor be ani luobir kuvelies in.
Il macigno è talmente pesante che nessuno riesce a sollevarlo.=Le kasam seiam eg pabun be naiel onasiam ut zotuviv.
La mia vergogna è tale (=tale è la mia vergogna) che non oso parlare.=Eg seiam aib vabur be abiv eltuziam kuzoni.
La gente è tanta (=tanta è la gente) che il cinema non riesce a contenerla.=Az seiam le hoelb beil lafukic uiv onasiam ut zukil.
Il vecchio soffriva tanto (il vecchio tanto soffriva) da ispirare (=che ispirava) pietà.=Le naoh iaz sumapies be ronuvies le bavuar.
Farò in modo che tutti mi credano.=Matibur orgibe anil duperiam hib.

6) Correlative: iop su...iaz us=quanto più...tanto meno; iop us...iaz su=quanto meno...tanto più; iop su...iaz su=quanto più...tanto più; iop us...iaz us=quanto meno...tanto meno.

Tu quanto più (quanto più tu) parli tanto meno rendi.=Iop su of lariam iaz us colusiam.
Quanto meno ti atteggi tanto più sei amato.=Iop us if moukiam iaz su seifam metit.
Egli quanto più lavora tanto più guadagna.=Iop su ud luriam iaz su nobaziam.
Ella quanto meno si esercita tanto meno diventa abile.=Iop us en is ravafiam iaz us luiam dokap.

7) Dichiarative: om=come, in che modo; be=che.

Gli avevano detto (=fu detto a lui) come avrebbe dovuto comportarsi.=Seixot lezit hid om diroidenk gutasi.

(Quanto alla congiunzione be, vedi al titolo 9.1 "Concordanza dei Tempi Verbali")

8) Dubitative: ev=se; be=che.

Non so se ella verrà.=Abiv dakiam evien goabiur (ev goabinur).

(Quanto alla congiunzione be, vedi al titolo 9.1 "Concordanza dei Tempi Verbali")

9) Eccettuativa: sabe=eccetto che, tranne che, fuorché, salvo che.

Egli ha fatto ogni cosa, eccetto che studiare.=Ud dimatiam ekiev, sabe luobi.
Tranne che leggere, egli avrebbe fatto qualsiasi cosa.=Sabe peudi, ud dimatink eafiev.
La mamma ci ha concesso tutto (ogni cosa), tranne che lasciarci uscire (lasciare che uscissimo).=Le baben ditrouviam hipl ekiev, sabe bui be zueniples.

10) Esclusiva: plebe=a prescindere dal fatto che, non tenendo conto del fatto che, a parte il fatto che, non considerando che.

A parte il fatto che egli è mio cugino, io lo ammiro per la sua bontà.=Plebe ud seiam aib marof, kuvelibam id ta uid blefias.

11) Finali: ut=a, per, di, da; orgibe=in modo che.

Noi mangiamo per vivere.=Apl loviam ut duki.
I soldati vennero inviati al fronte a combattere.=Li turdot seiok lavofit asil fameuz ut surafi.
La vecchia si chinò ad ascoltarlo.=Le naohen is fufakiok ut kuzonid.
Gli fu chiesto di intervenire.=Seixot kopuvit hid ut nukeli.
L’accattone mi chiese qualcosa da mangiare.=Le zaluos kopuviok hib agusiev ut lovi.
Egli si sacrificò affinché i compagni si salvassero (=per salvare i compagni / in modo che i compagni si salvassero).=Ud is okuziok ut boerti li voert (orgibe li voert is boerties).
Furono inviati ambasciatori ché trattassero (=per trattare / in modo che trattassero) la pace.=Gi praek seiok lavofit ut mugoni (orgibe mugonies) le paus.
Lo dissi ad alta voce perché (=in modo che) egli lo sentisse (=per farglielo sentire).=Ab leziok iuv pevosev orgibe ud soedies iuv (ut mati soediuv hid).

12) Inclusiva: elpibe=tenendo conto che, tenendo conto del fatto che, considerando che, considerando il fatto che.

Tenendo conto (del fatto) che sei stato sincero, non agiremo contro di te.=Elpibe of diseiam hafet, apliv bapusiur caif.

13) Interrogative Indirette: park=perché; ev=se; ku=chi; ko=che cosa; za=dove; ho=quando; om=come; iop=quanto; op=quanto-a; ul=quale; daho=da quando; uapho=fino a quando, finché; esho=per quando; daza=da dove, donde; uapza=fin dove; stoza=per dove; eafunc=ovunque, dovunque, in qualsiasi luogo.

Dimmi perché ci hai abbandonati.=Leziust hib park of disubadiam ipl.
Ti chiedo se verrai anche tu.=Lebatibam hif ev orb of goabiur.
Gli chiesi chi glielo avesse ordinato.=Ab lebatiok hid ku difravies hidiuv.
Le ho domandato che cosa intende fare.=Ab dilebatiam hin ko gobetiam mati.
Voglio sapere dove dobbiamo incontrarci.=Vuibam daki zo roiplam tumuzipl.
Le chiesi quando dovevamo vederci di nuovo (rivederci).=Ab lebatiok hin ho roiples niruopipl.
Vorrei sapere come farai senza di me.=Vuibenk daki om matifur zoib.
Mi chiese quanto mi era costata la casa.=Ud lebatiok hib iop le moed diepuzies hib.
Chiesi loro quanta crema fosse rimasta.=Ab lebatiok hitr op lucem dipofemies.
L’ospite ha voluto sapere quale carriera avrei intrapreso.=Le rudouz divuiam kolpi ul sarpen ab dipaxerink.
Gli domandai da quando egli era lì.=Ab lebatiok hid daho pusides zu.
Gli domandai fino a quando sarebbe durata la pioggia.=Ab lebatiok hid uapho le gotar diarezink.
Chiedile per quando è stato fissato l’incontro.=Lebatiust hin esho le tumuz diseiam fodrit.
Prima chiedemmo da dove bisognava cominciare.=Kip apl lebatiok daza ofalixes lami.
Gli avevo chiesto fin dove dovevamo arrivare.=Ab dilebaties hid uapza roiples paeni.
Vorrei sapere per dove transiteremo.=Vuibenk kolpi stoza esotiplur.
Verrò ovunque tu voglia (=vorrai).=Goabiur eafunc vuifur.

14) Modali: om=come; afne=quasi, come se, quasi che; eafom=comunque, in qualsiasi modo; zobe=senza che.

Ho eseguito il compito come mi hai detto.=Ab divarfiam le fonat om dilezifam hib.
Ella tornò indietro, quasi avesse avuto un presentimento.=En lesuokiok afne diebies gu kosork.
Comunque vadano (andranno) le cose, non resteremo a guardare.=Eafom liv kousiur, apliv poburiur ut gukepi.
Il babbo partì senza che potessimo (avessimo la possibilità di) vederlo.=Le bab neapiok zobe ebiples le paopias ut ruopid.

15) Relative: ke=che, il/la quale, i/le quali (soggetto); ik=che, il/la quale, i/le quali (complemento); hik=a cui, al/alla quale, ai/alle quali (dativo).

L’uomo, che viene verso di noi, è mio padre.=Keied goabiam esbipl seiam aib brev.
La donna, che vedi in macchina, è mia madre.=Keien ruopifam unil tahor seiam aib breven.
I due ragazzi, ai quali hai affidato l’incarico, sono fratelli.=Li ficiad, hik of dibomiam le mesal, seiam foram.
Ho visto le bambine delle quali conosco i genitori.=Ab diruopiam li dontin duik fuozibam li cekof.

16) Temporali: ho=quando; uapho=fino a quando, finché; duapho=fin da quando; esho=per quando; daho=da quando; eutho=proprio quando; evaho=allorquando, allorché; dod=mentre, nel momento che (in cui); obsa=appena, non appena; avebe=ora che; evabe=allora che; aelbe=via via che, a mano a mano che; kipbe=prima che; pikbe=dopo che; epzobe=intanto che, nel frattempo che, frattanto che; ekebe=ogni volta che; anibe=tutte le volte che.

Quando verrai a trovarmi, ti regalerò un bel libro.=Ho goabifur ut borpib, geloribur hif gu buor bavel.
Da quando ti ho conosciuto, ti penso sempre (penso sempre a te).=Daho ab difuoziam if, texu supabiam hif.
Lo conosco fin da quando era bambino.=Fuozibam id duapho ud seies dont.
Finché io vivrò, non dovrai temere alcuna cosa.=Uapho dukibur, ofiv roiur lamubi agusiev.
Tu resterai qui fino a quando lo riterrò opportuno.=Poburifur uz uapho ab releviur lukon iuv.
Io passeggiavo, allorquando incontrai il (mio ) nonno paterno.=Ab doralies, evaho tumuziok aib dabroz.
Ero appena uscito (ero uscito proprio allora), allorché m’imbattei nel (incontrai per caso il) mio migliore amico.=Ab dizuenies euteva, evaho nuseriok aib balef lesur.
Ella fu investita, mentre salutava il suo insegnante.=En seiok enovit dod xouvies ein seatir.
(Non) appena arriva (=è arrivato) mio padre, avvisami.=Obsa aib brev dipaeniam, gotesiust ib.
Intanto che faceva colazione, lo (=mio) zio leggeva il giornale.=Epzobe matides le vazel, aib buket lezies le xaop.
Allora che non potevo (mi era permesso di) uscire, fuori c’era il sole; adesso che posso (mi è permesso di) uscire, fuori piove.=Evabe uiv uspixes zueni hib, zin le patup pusies; avebe uspixam zueni hib, zin gotarixam.
Via via che essi entravano, venivano uccisi.=Aelbe Udr neuziok, seies trazit.
Prima che tu giungessi, la campana già era suonata.=Kipbe of epuokies, le koran oag dibofies.
Per fortuna la casa è crollata, dopo che tutti erano usciti.=Aep le moed divunesiam pikbe anil dizuenies.
Ogni volta che io sono assente, nella scuola succede qualcosa.=Ekebe seibam mac, agusiev gomufiam unil lestic.
Tutte le volte che giochiamo, qualcuno di noi si fa male.=Anibe eguviplam, agusipl felfotiam.

17) Altre: vau=almeno, se non altro; uvo=come, secondo quanto; erfiho=solo quando, se non quando; omho=come quando, allo stesso modo di quando; erfom=solo come; teo=pur di; teoiv=pur di non.

Ieri abbiamo giocato come quando eravamo bambini.=Fux apl dieguviam omho seies salar.
Tu ti muoverai di qui solo quando lo decido io (=se non quando lo deciderò io).=Podosifur dauz erfiho olabibur iuv.
Ella farà qualcosa solo come dico (dirò) io.=En matiur agusiev erfom ab leziur.
Come (=secondo quanto) tutti affermano, egli è un uomo virtuoso.=Uvo anil pocetiam, ud seiam gied lepovip.
Se non vuoi stare attento, almeno non disturbare i compagni.=Uiv vuifond sei maket (maketi), vau uiv lulopiust li voert.
Non ho raggiunto lo scopo, se non altro ho fatto un esperimento.=Abiv diberoniam le varep (ab dixelagiam), vau dimatiam gu fodat.
Pur di evitarlo, egli ha cambiato strada.=Teo rocakid, ud diolmiam le demul.
Pur di non studiare, ella aveva finto un mal di pancia.=Toiv luobi, en ditluogies gu bacovead.

26.5-Riepilologo delle Congiunzioni Subordinanti

1) Causali: roec=perché, ché, poiché, giacché, siccome, per il fatto che, dal momento che, visto che, dato che; eutroec=appunto perché, proprio perché; orbroec=anche perché, tanto più che.

2) Comparative: su...frabe=più...che (anziché, piuttosto che); us...frabe=meno...che (anziché, piuttosto che); su...puop=più...di quanto (di quello,che non); us...puop=meno...di quanto (di quello, che non); iaz...iop=tanto...quanto; eg...om=così (tale)...come (quale); afne=come se, quasi (che).

3) Concessive: trobe
=sebbene, benché, quantunque, nonostante che, malgrado che, anche se, per quanto.

4) Condizionale: uak=purché, a patto che, solo se; gerundio del verbo=se, qualora + tempo del verbo.

5) Consecutive: egbe=cosicché, sicché, di modo che, in conseguenza di ciò; eg...be=così (tale, talmente)...che; iaz...be=tanto...che; orgibe=in modo che.

6) Correlative: opsu...azus=quanto più...tanto meno; opus...azsu=quanto meno...tanto più; opsu...azsu=quanto più...tanto più; opus...azus=quanto meno...tanto meno.

7) Dichiarative: om=come, in che modo; be=che.

8) Dubitative: ev=se); be=che.

9) Eccettuativa: sabe=eccetto che, tranne che, fuorché, salvo che.

10) Esclusiva: plebe=a prescindere dal fatto che, non tenendo conto del fatto che, a parte il fatto che, non considerando che.

11) Finali: ut=a, per, di, da; orgibe=in modo che.

12) Inclusiva: elpibe=tenendo conto che, tenendo conto del fatto che, considerando che, considerando il fatto che.

13) Interrogative Indirette: park=perché; ev=se; ku=chi; ko=che cosa; za=dove; ho=quando; om=come; iop=quanto; op=quanto-a; ul=quale; daho=da quando; uapho=fino a quando; esho=per quando; daza=da dove, donde; uapza=fin dove; stoza=per dove; eafunc=ovunque, dovunque, in qualsiasi luogo.

14) Modali: om=come; afne=quasi, come se, quasi che; eafom=comunque, in qualsiasi modo; zobe=senza che.

15) Relative: ke=che, il/la quale, i/le quali (soggetto); ik=che, il/la quale, i/le quali (complemento); hik=a cui, al/alla quale, ai/alle quali (dativo).

16) Temporali: ho=quando; uapho=fino a quando; duapho=fin da quando; esho=per quando; daho=da quando; eutho=proprio quando; evaho=allorquando, allorché; dod=mentre, nel momento che (in cui); obsa=appena, non appena; avebe=ora che; evabe=allora che; aelbe=via via che, a mano a mano che; kipbe=prima che; pikbe=dopo che; epzobe=intanto che, nel frattempo che, frattanto che; ekebe=ogni volta che; anibe=tutte le volte che.

17) Altre: vau=almeno, se non altro; uvo=come, secondo quanto; erfiho=solo quando, se non quando; omho=come quando, allo stesso modo di quando; erfom=solo come.