Lettera n. 82

Amore mio straordinario,
a un tratto eri sparita agli occhi miei e mi era venuta meno anche qualunque notizia di te, quasi ti avesse inghiottita il baratro più profondo, al fine di darmi in pasto a una folle disperazione. Mi erano sembrati davvero infiniti i giorni che non ti facevi più vedere, intanto che la pena accresceva in me e tutti quanti i miei sforzi erano rivolti a te, intenzionati a cercarti fino in capo al mondo. Vorrei sapere per favore, dolce tesoro mio, dove eri stata nascosta in tutto quel tempo e perché l'avevi fatto. Da parte mia, speravo proprio che non ti fosse accaduto nulla e che tu continuassi a godere di ottima salute!

Senza di te, il mio cuore si era ridotto a pezzi, mentre la mia anima gemeva e si distruggeva immensamente; né il mio spirito riusciva a vivere una vita migliore, siccome era rimasto privo dell'intero suo vigore. Perciò la mia esistenza si presentava languida e grama, visto che mi avevano abbandonato le tante tue carezze, di cui spesso mi nutrivo; ma anche perché l'amor tuo aveva smesso di ossigenarla e la luce dei tuoi occhi più non la rischiarava. Mi sentivo pure rattristato come non mi era mai successo e i più assurdi pensieri mi turbinavano nella mente; intanto che il mio equilibrio interiore si manifestava dissestato e pareva che stessi navigando nel mare della pazzia. A mio avviso, quel tuo atteggiamento non era affatto giusto; infatti, incurante dell'immane sofferenza che mi arrecavi con esso, avevi voluto celarti a me, prendendo tale iniziativa senza addurre alcun motivo e senza darmi nessun preavviso.

Nel frattempo, però, speravo che tu, allo stesso modo del sole riesce ad aprirsi un varco tra un banco di nuvole, ti affacciassi alla mia vista più splendida di prima e innamorata come sempre. Così saresti tornata a prodigarmi quei tanti abbracci e baci che nei miei momenti più tristi erano riusciti a deliziarmi come nient'altro al mondo. Solo in questa maniera sarebbe anche sparita ogni inquietudine dentro di me e vi sarebbe ritornata la felicità. Inoltre, avrei ripreso a sentirmi carico di quelle energie che unicamente il vero amore sa come uscire dalle tenebre e vivere nello splendore di una realtà incandescente. Ti raccomando, amore mio, non sparire più dalla mia!

Il tuo amore