Lettera n. 138

Gioia del mio animo,
il tuo bel volto mi risulta elettrizzante; dissipa nella mia mente ogni fosco pensiero, simile al vento che spazza via gli spessi cumuli di nuvole, quando si accavallano nel cielo. Sei il mio tempo sereno tornato a risplendere nel mio animo angustiato; riesci così a rasserenarlo, a consolarlo e ad arricchirlo d’ingenti tesori inestimabili, proprio come in una favola.

Il tuo sguardo m’irraggia d’insolito splendore; apre i miei occhi attoniti a tante visioni celestiali, per cui mi vedo trasportare in una realtà fantastica, la quale mi procura mille indicibili emozioni. La tua femminea avvenenza m’incanta e mi seduce; rende la mia vita colma d’infinite leggiadre sensazioni che la inebriano e la dilettano, quando il mio cuore è triste e soffre del mal d’amore.

La tua passione travolgente mi eccita e mi accende i sensi d’incontrollata lascivia; perciò essi vorrebbero ricambiare il piacere intenso che hai fatto loro provare.

Il tuo amore