di Luigi Orabona

 

 

Vita variegata

Da questa altezza della mia vita
posso gestire i miei ricordi
che me la resero intimamente
a volte paga e spensierata
altre volte triste e insoddisfatta,
a seconda dei vari episodi
che vennero ad interessarla.

Nessuno può dire di aver vissuto
soltanto esperienze positive,
senza essere mai stato visitato
da disavventure di alcun genere,
poiché resto sempre del parere
che almeno una di quelle negative
gli abbia fatta la sua visita.

Allo stesso modo, non c’è chi
è stato solo baciato dalla fortuna;
se qualcuno venisse ad asserirmi
di essere lui l’unico fortunato,
senza dubbio stenterei a credergli,
essendo convinto che un tale fatto
non è della natura umana.

Quindi, anche i miei ricordi,
che sottostanno a simile legge,
non possono che riportarmi
a momenti diversi e variegati
che alternativamente conobbero
sia serenità e soddisfazioni
sia amarezze e delusioni.