di Luigi Orabona

 

 

Sentirsi poeta

Sentirsi poeta
è come vivere un'altra esistenza
parallela a quella normale
e dedita alla quotidianità,
grazie alla quale
si ha in noi quello sprone
ad appagarci delle fragranze naturali,
oltre che a prendere coscienza
dei diversi moti dell'animo.

Sentirsi poeta
è ribellarsi alle ingiustizie sociali
e denunciarle alla pubblica opinione,
servendoci della forza
insita nella nobile poesia,
la quale è immortale
e sa convincere la gente
di qualsiasi estrazione sociale
più di ogni altra forma letteraria.

Sentirsi poeta
vuol dire avere la voglia
di urlare al mondo intero
le sensazioni e le emozioni
che avvertiamo dentro di noi
per rendere partecipe ognuno
dei nostri intimi sentimenti,
elevandolo ai valori sublimi
dell'umana essenza.