di Luigi Orabona

 

 

Niente cambiato

Non sempre ebbi la fortuna
d'incontrare persone perbene;
mi riferisco esattamente
a quelle amabili e schiette,
che sanno con il loro agire
renderti la vita beata.

Anzi, mi toccò più volte
avere la grande disavventura
di vivere accanto a individui
che non avevano alcuna dignità,
essendo perfidi e insinceri
in tutto ciò che facevano.

I migliori, tra tutti loro,
erano quelli che molto bene
se la cavavano nell'adulare;
cercavano essi con fine ironia
di screditare l'opera di qualcuno,
esaltando quella degli altri.

Quanto ai peggiori, essi non erano
nemmeno da considerare,
sicome l'odio e la vendetta
albergavano nei loro cuori
e me li facevano reputare
delle persone depravate.

A ogni modo, a essere sincero,
oggi le cose non sono cambiate,
visto che mi capita di frequente
assistere a taluni modi di vivere
che vanno bene a braccetto
con quelli marci del passato.